HOME | TAM.Concerti | Galleria immagini | Marche Jazz Card | Trasparenza amministrativa
01-01-2018
  Concerto Gospel "UNISOUND"
06-01-2018
  STANLEY JORDAN solo
07-01-2018
  CANTO CLARINETTO E PIANO
26-01-2018
  Blue Velvet
28-01-2018
  ANAT COHEN & MARCELLO GONCALVES
03-02-2018
  Carmen Souza CREOLOGY Trio
11-02-2018
  QUARTETTO EIRENE
17-02-2018
  All Stars Quintet
24-02-2018
  MOSAICI MUSICALI - Chiesa di Santa Maria in Muris - Belmonte Piceno
24-02-2018
  Colours Jazz Orchestra feat. Fabrizio Bosso e Walter Ricci
25-02-2018
  I SOLISTI DEI BERLINER PHILHARMONIKER E il COLIBRI' ENSEMBLE
04-03-2018
  SERVILLO/GIROTTO/MANGALAVITE "PARIENTES"
10-03-2018
  MOSAICI MUSICALI - Casa della Memoria - Servigliano
11-03-2018
  Ezio Bosso & FORM
17-03-2018
  MOSAICI MUSICALI - Casa Museo Osvaldo Licini - Monte Vidon Corrado
17-03-2018
  Arctic Duet - Daniele di Bonaventura e Arild Andersen
18-03-2018
  FILIPPO VIGNATO QUARTET
23-03-2018
  Musica Nuda & Inventario
24-03-2018
  MOSAICI MUSICALI - Museo Antropogeografico - Amandola
07-04-2018
  LUCA BARBAROSSA "Roma è de tutti"
21-04-2018
  Tonina - Black Angel Tour
01-02-2014 h 21:15
Porto San Giorgio (FM)
Teatro comunale, Largo del Teatro
Intero 12 €/Ridotto 10 €





TRIO LATITUDE 41
Musiche di Camille Saint-Saëns

Livia Sohn violino
Luigi Piovano violoncello
Bernadene Blaha pianoforte


La violinista Livia Sohn, il violoncellista Luigi Piovano e la pianista Bernadene Blaha si sono uniti per formare Latitude 41 nell’estate del 2009 come risultato di precedenti collaborazioni musicali e della loro passione in comune per la musica da camera. Fin dalla sua formazione ha tenuto concerti in ambiti prestigiosi come il Newport Music Festival (gala d’apertura nel 2009 e gala conclusivo nel 2011), la L’Ermitage Foundation di Los Angeles e i “Sundays Live” al Los Angeles County Museum of Art, trasmessi dal vivo via internet e via radio. Nell’estate del 2011 verrà pubblicato il suo primo CD per l’etichetta francese Eloquentia, registrato al Banff Centre e dedicato a Schubert, con il monumentale Trio in mi bemolle maggiore e il Notturno. L’ensemble deve il suo nome alla latitudine della sua prima esibizione, avvenuta a Rhode Island, che è a latitudine 41° N, proprio come Roma, in Italia, la città in cui vive Luigi Piovano.

Livia Sohn è attiva sulla scena internazionale come solista con orchestra, in recital e come ospite nei festival in Europa, America del Nord e del Sud, Asia, Africa e Nuova Zelanda. Nella passata stagione ha eseguito un ampio ventaglio di Concerti con orchestra – da Paganini e Bruch a Britten e Rorem – in America del Nord, Cina e Italia. Fra i momenti di punta della stagione in corso i Concerti di Dvorak e Barber a Los Angeles e a Budapest e i recitals a Tokyo e a New York. Nel 2007 è stata la prima interprete di un Concerto intitolato “Jiyeh”, scritto per lei dal compositore israelo-americano Jonathan Berger. Nel corso del 2011 “Jiyeh” sarà pubblicato in CD insieme al Concerto di Britten. Livia ha suonato per la prima volta in pubblico a otto anni e a dodici, nel 1989, ha vinto il primo premio al Concorso internazionale “Yehudi Menuhin”. Ha frequentato la Juilliard Pre-College Division dall’età di sette anni, quando ha iniziato i suoi studi con Dorothy DeLay e Hyo Kang, sotto la cui guida ha poi proseguito alla Juilliard School, dove ha studiato anche musica da camera con il leggendario Felix Galamir. Suona un G.B. Guadagnini del 1770 e un Samuel Zygmuntowicz del 2006. Insegna dal 2005 presso il Dipartimento di Musica della Stanford University, in California.
www.liviasohn.com

Primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e primo violoncello solista ospite della Tokyo Philharmonic Orchestra e della Seoul Philharmonic Orchestra, Luigi Piovano gode di un’ammirazione crescente in campo internazionale sia come violoncellista sia come direttore. La sua prima grande affermazione è stata la partecipazione al “Pollini Project” che lo ha portato a debuttare con successo al Festival di Salisburgo e poi ad esibirsi a Tokyo, alla Carnegie Hall di New York e a Roma. Ha suonato come solista con direttori come Boreyko, Chung, Menuhin e Pletnev, fra gli altri, e in concerti da camera con artisti come Bilson, Chung, Sawallisch, Sitkovetsky e Antonio Pappano, con il quale suona regolarmente in duo dal 2007. Iniziati gli studi musicali con suo padre, dopo essersi diplomato a diciassette anni sotto la guida di Radu Aldulescu, ha proseguito gli studi presso l’Accademia Internazionale Menuhin in Svizzera e il Conservatorio Europeo di Parigi. Suona un Alessandro Gagliano del 1710.
www.luigipiovano.it

La «brillante padronanza della tastiera» di Bernadene Blaha viene puntualmente sottolineata nelle sue esibizioni in recital, cameristiche e con orchestra in ogni parte del mondo: America del Nord, Europa, Asia, Messico. Fra le affermazioni della passata stagione i suoi debutti in Australia e al Concertgebouw di Amsterdam e l’invito a far parte della giuria del prestigioso concorso pianistico internazionale Gina Bachauer di Salt Lake City, Utah. Apprezzatissima nella musica da camera è ospite abituale di prestigiosi festivals internazionali come il Newport Music Festival, il Tucson Chamber Music Festival, il La Jolla Summerfest, il Festival of the Sound, il Bard Festival, il Banff Festival of the Arts, il Round Top International Festival e il Festival de San Miguel de Allende, in Messico. Attualmente risiede a Los Angeles e dal 1993 fa parte della Keyboard faculty della Thornton School of Music della University of Southern California.
www.bernadeneblaha.com


REVIEWS

Il Trio “Latitude 41” (nome derivato dal fatto che i tre musicisti, pur abitando in città diverse, hanno scoperto di appartenere tutti alla stessa latitudine, la 41 appunto), offre un magnifico servizio a questo capolavoro. Il suono della compagine è terso, dinamico, affilato, per nulla sovraccarico o retorico, riuscendo così a depurare la musica schubertiana da improprie ridondanze. I tre strumentisti ci fanno invece intravedere un Romanticismo allo stato nascente, ancora di là da essere. Sembra di sentire la musica scaturire e prendere corpo come attraverso una nebbiolina mattutina. Proprio come in certe sequenze di “Barry Lindon”.

Fabrizio Carpine, CD Classico


PROGRAMMA:

Camille Saint-Saëns

Trio n. 1 in fa maggiore op. 18
Allegro vivace
Andante
Scherzo (Presto)
Allegro

****

Trio n. 2 in mi minore op. 92
Allegro non troppo
Allegretto
Andante con moto
Grazioso, poco Allegro
Allegro


ABBONAMENTI:

Gli abbonamenti per la stagione musicale di Porto San Giorgio saranno in vendita nei giorni 6, 7, 8 e 9 novembre presso il Teatro Comunale, dalle ore 18 alle ore 21.
I biglietti singoli ( Intero € 12 - Ridotto €10, posti numerati) si potranno prenotare telefonicamente dal 15 novembre al 338-4321643 e acquistare nello stesso giorno della programmazione presso il Teatro  Comunale (0734- 672470) a partire dalle ore 18.

Abbonamento ai 5 concerti TAM: € 50,00
Abbonamento combinato Prosa/Musica:  € 120










La MARCHE JAZZ CARD è lo strumento con il quale gli appassionati di jazz e altre musiche, possono seguire i programmi integrati del circuito “Marche Jazz Network” costituito da:

TAM Tutta un'Altra Musica,
Ancona Jazz,
Fano Jazz,
Musicamdo Jazz.

Le quattro associazioni, che operano in 40 comuni di 4 province, organizzano complessivamente circa 150 concerti l'anno.

La card è nominativa, ha validità annuale (attestata dal bollino apposto sul retro), ha un costo di 15 euro e consente di accedere a tutti gli eventi del circuito “Marche Jazz Network” con riduzioni indicate di volta in volta.
La MARCHE JAZZ CARD si può richiedere al botteghino di tutti i concerti MJN.

I possessori della card sono tempestivamente informati via e-mail ed sms su tutte le iniziative in programma, visionabili anche sul sito: www.marchejazznetwork.it

La MarcheJazzCard è valida anche per la stagione di prosa del Teatro delle Api di Porto Sant'Elpidio (FM)







TAM Tutta un'Altra Musica t.338.4321643 info AT tam.it