HOME | TAM.Concerti | Galleria immagini | Marche Jazz Card | Trasparenza amministrativa
01-01-2018
  Concerto Gospel "UNISOUND"
06-01-2018
  STANLEY JORDAN solo
07-01-2018
  CANTO CLARINETTO E PIANO
26-01-2018
  Blue Velvet
28-01-2018
  ANAT COHEN & MARCELLO GONCALVES
03-02-2018
  Carmen Souza CREOLOGY Trio
11-02-2018
  QUARTETTO EIRENE
17-02-2018
  All Stars Quintet
24-02-2018
  MOSAICI MUSICALI - Chiesa di Santa Maria in Muris - Belmonte Piceno
24-02-2018
  Colours Jazz Orchestra feat. Fabrizio Bosso e Walter Ricci
25-02-2018
  I SOLISTI DEI BERLINER PHILHARMONIKER E il COLIBRI' ENSEMBLE
04-03-2018
  SERVILLO/GIROTTO/MANGALAVITE "PARIENTES"
10-03-2018
  MOSAICI MUSICALI - Casa della Memoria - Servigliano
11-03-2018
  Ezio Bosso & FORM
17-03-2018
  Arctic Duet - Daniele di Bonaventura e Arild Andersen
17-03-2018
  MOSAICI MUSICALI - Casa Museo Osvaldo Licini - Monte Vidon Corrado
18-03-2018
  FILIPPO VIGNATO QUARTET
23-03-2018
  Musica Nuda & Inventario
24-03-2018
  MOSAICI MUSICALI - Museo Antropogeografico - Amandola
07-04-2018
  LUCA BARBAROSSA "Roma è de tutti"
21-04-2018
  Tonina - Black Angel Tour
29-04-2018
  GEORG FRIEDRICH HÄNDEL "Nove Arie Tedesche"
25-05-2018
  COME UNA SPECIE DI SORRISO - Omaggio a Fabrizio De André NERI MARCORE' & GNUQUARTET "COME UNA SPECIE DI SORRISO" Omaggio a Fabrizio De André
31-05-2018
  GABRIELE PESARESI "SOMETHING ABOUT"
05-03-2011 21:30
Porto Sant'Elpidio (FM)
Teatro delle Api, Via della Pace, 7
Intero 18; ridotto 16
In collaborazione con DADO srl
CHIARA CIVELLO
Chiara Civello (voce, pianoforte, chitarra), Antonio Iasevoli (chitarra), Marco Siniscalco (basso), Fabrizio Fratepietro (batteria)



CHIARA CIVELLO “Le canzoni sono come i treni: ti portano da un posto all’altro”
Voce calda, poesia e armonie sorprendenti, sono solo una parte di ciò che rende la sua musica così
irresistibile. Il suo è stato davvero un lungo viaggio, non solo musicale, attraverso l'Oceano
Atlantico. Nata a Roma, Chiara viene incoraggiata a suonare il piano dalla nonna. Scherzando
racconta che lo scordatissimo piano verticale della nonna è stato una grande scuola per
l’affinamento del suo orecchio musicale. Per un po' ha anche provato con la chitarra acustica, che
ha ripreso a suonare più in tardi, ma quella prima esperienza è terminata in modo a dir poco comico,
andando a prendere un gelato. "L'auto era piccola, con due soli posti: nel sedermi ho rotto il manico
della chitarra. Mia madre ha allora sentenziato: scordatene una nuova, adesso canti!”. Chiara canta
anche in cori classici, ma è in cerca di qualcosa che le consenta di esprimersi con maggiore libertà.
È un amica a suggerirle di studiare jazz, una musica della quale sa poco o nulla. Si iscrive allora ad
una piccola scuola di musica romana, la Saint Louis, che frequenta parallelamente al Liceo. E‘ qui
che, inizia il suo reale percorso artistico. All'età di sedici anni, di nascosto da amici e parenti,
partecipa alle audizioni della prestigiosa Berklee School di Boston, cantando „What are you doing
the rest of your life“ di Michel Legrand e vince una borsa di studio, ottima ragione per partire per
un lungo viaggio americano, iniziato a Boston nel 1994, alla ricerca della propria voce.
Già dal primo anno Chiara è una presenza importante sulla scena musicale di Boston, esibendosi
regolarmente nei locali che hanno ospitato alcuni dei migliori musicisti americani.
Ma il suo viaggio non è destinato a terminare a Boston, né a limitarsi al jazz. Come molti suoi
predecessori usciti dalla Berklee, il trasferimento a New York diviene inevitabile. In cerca di
qualcosa di musicalmente più vicino alle sue radici mediterranee, si immerge nella musica latina,
brasiliana in particolare, e impara lo spagnolo e il portoghese. E’ il 1998, l’anno in cui compone la
sua prima canzone, Parole Incerte, canzone sulla distanza, canzone che cambierà il corso della sua
vita. Ed è a New York che Chiara incontra il leggendario produttore Russ Titelman, gli lascia un
demo di Parole Incerte e Titelman la richiama il giorno seguente insistendo: "sei una cantautrice,
lascia perdere tutto il resto, devi scrivere". Chiara allora comincia a comporre e scrivere testi.
Conosce le opere di Bob Dylan, Joni Mitchell, Tom Waits e James Taylor, con il quale incide nel
suo album, October Road.
Titelman fa ascoltare il brano al presidente della Verve che il giorno successivo offre a Chiara un
contratto discografico, rendendola la prima italiana nella storia ad incidere per la prestigiosa casa
discografica e dandole la possibilità di entrare in studio poco dopo ad incidere il suo primo album
prodotto dallo stesso Russ Titelman.
Il frutto del lavoro di questi anni sono le dieci canzoni del suo debutto discografico, Last Quarter
Moon (Verve 2005) sette delle quali scritte da lei e tre in collaborazione con altri artisti, compresa la
ballad Trouble, composta a quattro mani con il leggendario Burt Bacharach. “Avevo già scritto la
maggior parte delle canzoni quando Russ mi ha chiamata dicendomi che Burt Bacharach voleva
scrivere con me. Trouble nasce da tre giorni bellissimi trascorsi insieme nella casa di Los Angeles
di Burt, durante i quali ha preso forma una melodia nei miei pensieri già da qualche giorno“.
Il disco le ha assicurato un primo giro di mondo, facendola entrare nelle classifiche Giapponesi e
Italiane. Billboard Magazine scrive che, “la bellezza, lo charme e il carisma del debutto
discografico della cantautrice Chiara Civello è certamente un inizio prommettente e segnala al
mondo la prima rivelazione del nuovo anno.” L’International Herald Tribune dichiara “la
combinazione di personalità, profondità e sofisticatezza …impressionanti.”
TAM Tutta un'Altra Musica t.338.4321643 info AT tam.it